Il nuovo numero del Bhalo Magazine è on-line!
Qualche anticipazione sugli eventi del ventennale e tutte le notizie della nostra rivista

Cari amici è on-line (nella sezione dedicata e cliccando qui) il penultimo numero annuale del Bhalo Magazine, ricco e denso come al solito (vi segnaliamo, in particolare,  a pagina 6, l’intervista della nostra Chiara Ferrucci al nostro referente a Burdwan, Padre Wilson Fernandes). Il prossimo arriverà nelle vostre case entro la fine del 2011, ricco di resoconti sui viaggi e sulle iniziative del nostro ventennale!
A tale proposito vi anticipiamo che il 27 novembre ci sarà il nostro consueto incontro annuale nel centro Nuova Primavera di Forcoli (Pisa). Un’occasione importante per parlare dei viaggi del ventennale che, in quella data, si saranno appena conclusi. Il primo, a Calcutta e in Bengala Occidentale, inizierà, infatti, il 10 ottobre e si concluderà il 25 ottobre. Il secondo, in Uganda, Tanzania e Repubblica Democratica del Congo, inizierà l’8 novembre e terminerà il 23 novembre.
I programmi di entrambi i viaggi prevedono due importanti convegni, uno a Calcutta e uno a Kampala, sui temi della cooperazione internazionale e del modus operandi del Bhalobasa (improntato a promuovere la partecipazione e il protagonismo degli amici del sud del mondo, nostro centro, rifuggendo dall’assistenzialismo e dalla cosiddetta carità calata dall’alto, una carità che, come recita il titolo del libro dell’economista Dambisa Moyo, può “uccidere”; le pagine centrali del magazine ospitano un’interessante riflessione del presidente del Bhalobasa, Alessandro Cipriano, e del suo vice, Matteo Ferrucci, proprio su questo argomento).
 
Gli stessi argomenti saranno ripresi e approfonditi durante il convegno che il Bhalobasa ha organizzato per il 3 dicembre al Museo Piaggio di Pontedera e che vedrà la partecipazione di esponenti nazionali e internazionali delle istituzioni e del mondo della cooperazione.
 
Informazioni più dettagliate sui nostri canali a breve!

Annotate questi due importanti appuntamenti, amici del Bhalobasa!
Il 29 settembre, alle 21.15, ci ritroveremo nella sala parrocchiale di Perignano, Pisa per l’allegro rito dell’imbustamento del Bhalo Magazine (terzo e penultimo numero del 2011) e per parlare delle iniziative del ventennale.
Il primo ottobre, alle 12, sempre a Perignano, (in via Matteotti 71) ci sarà l’incontro di verifica e programmazione del 2011-2012 della nostra associazione. Questa bella giornata di condivisione inizierà alle 12, con la presentazione La carità che uccide del presidente, Alessandro Cipriano, e del suo vice, Matteo Ferrucci. Quindi ci sarà un piacevolissimo break con il pranzo indiano preparato dalla nostra segretaria Alessandra Tognoni. Dopo spazio alla riunione durante la quale i settori del Bhalobasa faranno il punto della situazione e illustreranno nuovi progetti e obiettivi. Entro le 18 dovrebbe essersi concluso tutto, saremo quindi liberi per la serata.
Raccomandiamo di confermare la propria partecipazione al pranzo entro il 29 settembre all’indirizzo segreteria@bhalobasa.it o al numero della nostra segretaria: 348268858). Sarà una giornata molto importante, non solo per gli argomenti che verranno trattati, anche e soprattutto per rafforzare la nostra amicizia e la nostra vicinanza, per salutare chi parte per i viaggi del ventennale di ottobre e novembre, per stare bene insieme. Quindi non mancate!

Sono disponibili gli ultimi posti per il viaggio del ventennale in India del Bhalobasa, nella sua versione breve, dal 10 al 18 ottobre. Molti di noi hanno iniziato a viaggiare con l’associazione proprio così, cogliendo al volo un’occasione dell’ultimo istante, un posto lasciato libero all’improvviso.E poi sono rimasti coinvolti in qualcosa di meraviglioso e unico. E se questo fosse il vostro momento? Informazioni e prenotazioni scrivendo a viaggi@bhalobasa.it.
Vi aspettiamo!

Accoglienza, calore, calori, amicizia e fraternità. Circa trecento persone hanno partecipato alla cena annuale dell’associazione Bhalobasa di Perignano, svoltasi a Lavaiano sabato 11 giugno, con un’organizzazione perfetta, moltissimi volontari e il team della cucina particolarmente ispirato. Si percepivano valori importanti sotto il tendone della Festa dell’Unità che ha ospitato l’incontro, tutti quelli in cui il Bhalobasa crede e sogna per il mondo. Quelli che servirebbero per edificare una giustizia sociale che dia davvero voce ai più deboli e lenisca le differenze profonde fra Nord e Sud del pianeta.

Il presidente Alessandro Cipriano e il suo vice Matteo Ferrucci hanno illustrato il progetto emergenza sostegni in cui confluirà il ricavato della cena: “Sempre più famiglie sono state costrette, a causa della crisi _ hanno spiegato _ a lasciare i sostegni. Il Bhalobasa ha deciso di farsi carico di questi percorsi scolastici che avrebbero dovuto essere interrotti, magari a un passo dal loro culmine. Un impegno che possiamo portare avanti grazie al contributo di tutti per riuscire, insieme, a non lasciare neanche per un attimo, le mani dei nostri amici coi quali camminiamo, fianco a fianco, da vent’anni”.

Di cooperazione e solidarietà hanno parlato anche Silvia Pagnin, assessore della Provincia di Pisa, e Mirko Terreni, neo-sindaco di Lari. Entrambi hanno sottolineato il ruolo che il Bhalobasa ha nella promozione di una cultura d’accoglienza e, anche nell’ambito dell’Istituzione Centro Nord Sud di Pisa, nel varo di progetti nei Paesi in cui opera (il presidente Cipriano, medico di emergenza-urgenza nel nosocomio pisano, è, tra l’altro, consulente scientifico dell’ente). Fra gli ospiti della cena c’era anche Paolo Prosperini, direttore dell’Istituzione.

Durante il pranzo annuale del novembre scorso c’era stato il passaggio di consegne ufficiale fra Don Armando Zappolini, presidente onorario e fondatore del Bhalobasa, e Cipriano. La cena è stata, invece, la prima occasione in cui Don Zappolini è intervenuto davanti alla grande famiglia dell’associazione come presidente del CNCA (Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza), carica assunta a inizio anno. “Dobbiamo impegnarci tutti nella costruzione di una giustizia reale per questa società così indolente e abbruttita dal razzismo e dall’intolleranza”.

A proposito di accoglienza, fra i commensali c’erano alcuni ragazzi africani, profughi con storie difficili nei martoriati paesi d’origine, ospitati dai Comuni di Lari e Vicopisano.

Dopo il successo della Pizza Papi e della Pizza Anemone il Bhalobasa lancia la…Pizzapia!
Le altre due nuove pizze sono la Nord Sud, divisa a metà, com’è (e non dovrebbe essere) il mondo, una parte ricca di ingredienti, l’altra sguarnita, e la Pizza Giovine Italia, un omaggio al 150°dell’Unità del nostro Paese.

La pizza del cambiamento e dell’accoglienza si potrà gustare ogni sera, dal 15 giugno al 4 luglio, nella pizzeria della Festa dell’Unità di Lavaiano gestita, anche quest’anno, dai volontari dell’associazione Bhalobasa Onlus di Perignano, in provincia di Pisa (www.bhalobasa.it, facebook.com/bhalobasa.onlus). Il ricavato confluirà nel Progetto Emergenza Sostegni 2011.

Un gioco di parole benefico che richiama la recente vittoria di Pisapia a Milano e le sue importanti e generose dichiarazioni sull’accoglienza e sull’integrazione. Valori ben oltre le divisioni politiche e partitiche, sui quali il Bhalobasa fonda la sua azione e la sua cultura di fraternità e che ci auguriamo siano sempre più condivisi. Negli anni scorsi abbiamo scelto pizze contro, con tono divertente, stavolta, in occasione del nostro ventennale, lanciamo una pizza per. Perché se Pisapia è stato contro a qualcosa, durante tutta la campagna elettorale e in questi primi momenti di governo del territorio, è stato contro…lo scontro.
Anche gli ingredienti della Pizzapia hanno un valore simbolico, oltreché ironico. L’arcobaleno di verdure (su letto di mozzarella che non…Lega) richiama l’idea di società multicolore e multietnica, che assume uno sguardo aperto e senza pregiudizi sull’Altro e che si orienta verso la relazione e la solidarietà attiva.

Ma quest’anno ci sono anche altre novità, oltre alla Pizzapia!
La Pizza Nord Sud, divisa in due parti, una metà traboccante di ingredienti e l’altra piuttosto sguarnita. Com’è, purtroppo, e come non dovrebbe essere il mondo. I nostri continui viaggi nei Paesi del Sud del pianeta in cui operiamo hanno, infatti, rafforzato in noi la convinzione che una diversa e più equa distribuzione delle risorse è necessaria e possibile.
La Pizza Giovine Italia, uno squisito e croccante tricolore, i cui ingredienti richiamano storia e colori della nostra preziosa e faticosa Unità!
Ogni pizza potrà essere scelta anche nella versione senza glutine. In menu restano tutte le pizze degli anni scorsi, inclusa la più simpatica e gettonata, la Papi!

Il presidente del Bhalobasa, Alessandro Cipriano, e tutti i volontari dell’associazione vi aspettano. Ogni sera potrete gustare un’ottima pizza facendo anche un gesto di solidarietà importante.
Perché non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene (Denis Diderot).
Per informazioni:comunicazione@bhalobasa.it