Oggi 15 settembre salutiamo don Armando Zappolini, come associazione, come comunità e come parrocchia… tra pochi giorni si trasferirà a Ponsacco.
Alle 10.30 ci sarà la Messa nella chiesa di Santa Lucia e Santa Teresa di Calcutta e dalle 18.30, nello spazio Pertini, in via Risorgimento a Perignano, ci saranno un aperitivo e a seguire una cena.
Per noi, per la famiglia Bhalo, non è un vero e proprio saluto… Armando è il nostro fondatore e il nostro presidente onorario. Resterà il nostro punto di riferimento e non saranno certo pochi chilometri a cambiare questo, visto che insieme ne abbiamo percorsi e ne percorreremo insieme migliaia tra India, Uganda, Burkina Faso, Repubblica Democratica del Congo, Tanzania ed Ecuador… ma ci commuove comunque pensare che dopo tanti anni non sarà più nella casa dove lo abbiamo conosciuto, nella comunità per la quale ha sempre fatto tanto… a due passi da noi, dalla nostra sede.
E quindi oggi, in occasione di questa festa di saluto, lo abbracceremo forte come ci ha insegnato lui e gli consegneremo un dono per fargli capire quanto vogliamo che ci resti accanto e quanto sono importanti i suoi consigli e la sua presenza per noi!

Tantissimi complimenti da parte di tutta l’associazione ad Alessandro Gennai del Tennis Perignano (Pisa) per essersi classificato primo nel torneo Kinder Coop Livorno e per aver vinto il premio fair play per essere stato il giocatore più corretto.

Una bellissima soddisfazione per questo giovane campioncino, per il suo club, per la sua famiglia, per la nostra comunità e per tutti noi.

Bravo Ale e in bocca al lupo per i tuoi prossimi successi! Continueremo a gioire insieme a te.

4.670 volte grazie, 4.670 euro il ricavato, tolte le spese, della cena annuale di Bhalobasa che si è svolta sabato 8 giugno nello spazio della Festa Democratica a Lavaiano (Pisa).

Fondi che saranno destinati, lo ricordiamo, a due dispensari di frontiera di Bhalobasa, due strutture veramente salvavita vista la loro collocazione: in uno slum di Kolkata, in India, e nell’isola di Bumbire, in Tanzania.

Quest’anno l’incontro annuale di Lavaiano è stato più emozionante del solito perché è stata anche l’occasione per consegnare il Premio Alessandra, giunto alla quinta edizione, a un ragazzo, tra i 18 e i 30 anni, che si è particolarmente distinto nella promozione dei diritti umani (come vuole il Premio) attuando opere concrete. Ed è stato bello, da parte nostra e della famiglia Tognoni, consegnarlo a Iacopo Melio e, tramite lui, alla sua Onlus Vorreiprendereiltreno, punto di riferimento per contrastare tutte le barriere, strutturali e fisiche, che incontra la disabilità e per tante battaglie a favore delle persone in difficoltà, dei più deboli, di chi non riesce a far sentire la sua voce.

Iacopo ha deciso di impiegare i mille Euro del Premio nella nostra comunità, usandoli per donare un defibrillatore al nuovo palazzetto dello sport di Casciana Terme, in accordo con il Sindaco Mirko Terreni e l’Amministrazione, in uso sia alla nuova scuola che alla comunità. Un modo, ha sottolineato Iacopo, per lasciare una traccia nel nostro territorio, nei luoghi che contavano molto per la nostra Ale, residente a Perignano, cittadina del mondo, dal cuore grande e generoso. “Da quello che mi ha trasmesso la sua famiglia _ ha aggiunto _ Alessandra ha seminato tantissimo e ci ha affidato molti compiti importanti, soprattutto far sì che mai nessuno resti indietro, non possa essere nutrito, curato o si senta solo e abbandonato, qui e in ogni parte del mondo”.

“L’umanità è come l’amore, non ha limiti se non quelli che gli diamo”, scriveva Italo Calvino.

In una serata, grazie alla presenza di oltre 350 persone, abbiamo donato 4.670 euro a due dispensari medici in India e in Tanzania, e, grazie ad Alessandra, alla sua famiglia e a Iacopo, un defibrillatore alla nostra comunità, in un luogo frequentato da molte persone, soprattutto giovani e giovanissimi. Il bene è un abbraccio, il bene è grande!

Premio Alessandra 2019
La consegna durante la
Cena annuale di solidarietà di Bhalobasa Onlus, sabato 8 giugno, alle 20.00, a Lavaiano
Quest’anno la Commissione, presieduta dalle sorelle di Alessandra Tognoni, ha selezionato come vincitore del Premio Iacopo Melio, 27 anni, giornalista, scrittore e molto altro… in pochi non lo conosciamo! Si occupa di sensibilizzazione e divulgazione come attivista per i diritti umani in modo straordinario e coinvolgente.
Il 31 Gennaio 2015, infatti, ha fondato la Onlus Vorreiprendereiltreno, diventata un punto di riferimento nazionale per la disabilità.
Ha già vinto il premio “Cittadino Europeo” del Parlamento Europeo nel 2017 e a fine 2018 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Siamo particolarmente orgogliosi di legare la memoria di Alessandra Tognoni, nostra segretaria storica e tra i fondatori di Bhalo, che ha dedicato la sua vita agli altri, alle opere di Iacopo e della sua Onlus e di destinare i mille euro del premio ai suoi progetti a favore delle persone con disabilità.
Sarà emozionante consegnare il Premio a Iacopo proprio durante la nostra cena annuale di sabato , davanti a tutti e a tutte voi! Quanti fili di solidarietà si intrecceranno quella sera… il ricavato della cena, tolte le spese confluirà infatti in due progetti importanti: due dispensari, uno in uno slum di Kolkata, in India, e uno sull’isola di Bumbire, in Tanzania. Vi aspettiamo.
PRENOTAZIONI 0587/616143 dal martedì al giovedì, dalle 18.00 alle 20.00, e scrivendo a segreteria@bhalobasa.it. INFORMAZIONI sull’evento: comunicazione@bhalobasa.it, sui progetti: progetti@progetti@bhalobasa.it.

Oggi non vogliamo piangere una morte, ma festeggiare una vita! Quella di Turio Tognoni, spentosi a 91 anni ieri sera, padre della nostra tesoriera Oriella, della nostra volontaria storica Monica, della nostra indimenticabile segretaria Alessandra, e marito di Rosanna, forte, gentile, una ‘roccia tenera’, come le sue tre figlie, un punto di riferimento per Bhalo.
Perché la famiglia Tognoni è la nostra famiglia, la loro casa è la nostra casa.
Da sempre Turio, Rosanna, Alessandra, Monica e Oriella ci hanno accolto e ospitato e per noi sono diventati una parte di vita, qualcosa che c’è e ci sarà sempre.
Oggi festeggiamo la vita di Turio, insieme al dispiacere di non poterlo più abbracciare, perché non capita spesso di incontrare un uomo mite, gentile, solare, generoso e aperto anche mentre stava provando il dolore più grande, per la perdita precoce della figlia Alessandra. Perché la vita di Turio, nonostante i dolori che l’hanno attraversata, è stata bella e piena, ricca di amore e vissuta con solidarietà e amore, che sapeva trasmettere e da cui era sommerso. Ci mancherà immensamente non ricevere le sue parole buone e di incoraggiamento, vedere il suo viso sempre luminoso, aveva una parola e un sorriso per ognuno e ognuna di noi… ma la sua vita e il suo esempio sono dentro di noi, più forti che mai. Come quelli di sua figlia Acciuga.

Ciao Turio… conoscerti è stato meraviglioso!

Per chi volesse salutare Turio insieme a noi: domani, 28 maggio, ci saranno i funerali nella chiesa di Santa Lucia di Perignano, officiati da Don Armando Zappolini, con partenza da casa Tognoni, in via Matteotti 31 a Perignano, alle 16.00.