Report di viaggio, tra emozioni, verifiche, sorrisi e progetti!
Volete venire o tornare in Uganda, Tanzania e Repubblica Democratica del Congo con noi? Questa è l’occasione giusta. Vi portiamo con noi.
Il 16 novembre, alle 21.00, al Centro Pastorale madre Teresa di Calcutta a Perignano (Pisa), Stefania Bagnoli, David Pistolesi, Vania Bilanceri e tutto il gruppo di volontarie che hanno fatto il viaggio di solidarietà e verifica questa estate ci racconteranno cosa hanno vissuto, la loro esperienza, gli incontri con bambini sostenuti e referenti, i risultati, le riunioni, le amicizie, il lavoro, i progetti, realizzati e nuovi, i sorrisi, le sensazioni e i momenti di riflessione. Con tante immagini e foto a corredo delle parole.
Ci racconteranno la bellezza e la difficoltà di Paesi meravigliosi, l’accoglienza, le difficoltà, i sorrisi, le storie.
Sarà un report emozionante, sarà come viaggiare con loro!
Vi aspettiamo.
ℹ️Per informazioni, anche su come arrivare: comunicazione@bhalobasa.it

Conoscete Casa Ilaria? È un luogo speciale, a Pontedera, dove l’accoglienza è di casa. Un progetto di ospitalità e agricoltura sociale per tutti, in particolare per le persone più fragili. Per questo sentiamo Casa Ilaria e tutti coloro che si impegnano in questo progetto molto vicini e per questo sosteniamo la loro campagna di crowdfunding per l’acquisto di tre serre, supportata dalla Fondazione Il cuore si scioglie!
❤️Ci date una mano? Resta solo una settimana! Basta anche una piccola donazione perché insieme possiamo fare tanto: www.eppela.com/it/projects/20438-casa-ilaria-accoglienza-e-dignita-per-tutti
Il progetto Casa Ilaria nasce per ricordare Ilaria Meoli: suora missionaria carmelitana e medico specializzato in malattie infettive, morta nel 2007, a soli 37 anni, mentre dirigeva i lavori per la costruzione di un ospedale in Repubblica Centrafricana, a Bossémptelé, destinato alla cura dei malati di AIDS. Dopo la sua scomparsa, l’Associazione “Noi per l’Africa e il mondo – Onlus” ha continuato a mantenerne viva la memoria, promuovendo solidarietà e giustizia. Casa Ilaria rappresenta il risultato di questo itinerario di incontri che hanno intrecciato le esperienze professionali e umane di tanti collaboratori e sostenitori.
📌Ascoltiamolo dalle parole di Alex zanardi cos’è Casa Ilaria e aiutiamo queste persone meravigliose, grazie della vostra collaborazione: https://youtu.be/1PZEjjByThw

Un altro progetto realizzato, quello relativo al centro sanitario e di promozione sociale di Burkina Faso. E grazie alla vostra generosità in occasione del pranzo annuale di Forcoli del dicembre 2017 del pranzo in collaborazione con Gruppo Emergency Pisa del marzo 2017 e a una cospicua donazione privata siamo riusciti non solo a inviare fondi per la nostra parte di progetto, ma ad avere 7.000 Euro da destinare allo stesso centro o ad altri progetti. Vi faremo naturalmente sapere a cosa destineremo questa somma, in assoluta trasparenza.
💡La notizia qual è? È sempre la stessa, molto importante per noi! La vostra partecipazione e la vostra solidarietà sono sempre più grandi di quello che ci aspettiamo, ci sorprendono, ci riempiono di nuovi stimoli e ci spingono a fare ancora meglio nel nostro contributo alla cooperazione internazionale.
❤️Grazie!

“Per l’impegno contro lo stupro come arma di guerra”. Il Premio Nobel per la Pace 2018 è stato assegnato al ginecologo Denis Mukwege e all’attivista irachena Nadia Murad. Quest’ultima è stata a lungo prigioniera dei terroristi dell’Isis che nel suo villaggio hanno ucciso migliaia di persone, sottoponendola, purtroppo, a molte violenze, ma senza piegarla tanto che si batte per i diritti delle donne e per i diritti umani con una forza non comune.
Ci soffermiamo sulla figura di Mukwege perché, operando anche in Kivu, in Repubblica Democratica del Congo, abbiamo conosciuto lui e tutto ciò che di straordinario fa per le donne vittime di stupro (15.000 solo nel 2017, molte delle quali bambine e ragazzine), usato come arma di guerra nel modo più violento che si possa immaginare. A Bukavu ha fondato una clinica dedicata proprio a loro, il Panzi Hospital, diventando uno dei massimi esperti mondiali nella cura dei danni derivanti dalla violenza sessuale. Per questo nel 2014 è stato anche insignito, dal Parlamento europeo, del Premio Sakharov per la libertà di pensiero. Durante i nostri viaggi in R.D. Congo, facendo spesso base anche a Bukavu, abbiamo approfondito questa terribile piaga dello stupro, conoscendo tramite le numerose associazioni che offrono assistenza alle donne, anche giovanissime, alcune vittime. Ascoltando la gravità delle loro testimonianze, vedendo i segni fisici delle violenze, le mutilazioni, le ferite psicologiche, avvertendo tutta la loro sofferenza… abbiamo preso ancora più coscienza dell’importanza dell’opera di uomini straordinari come il dottor Mukwege.
Auspichiamo che il suo Premio Nobel per la pace riesca anche a risvegliare l’attenzione internazionale sulla R.D. Congo, Paese sfruttato da sempre, depredato e ferito da mille violenze e troppo spesso dimenticato.

Purtroppo siamo stati costretti ad annullare il report di viaggio in Uganda, Tanzania e Repubblica Democratica del Congo, previsto il 5 ottobre prossimo, per un grave incidente capitato al familiare di un nostro caro amico e volontario. La situazione è ancora sospesa, così come il nostro dolore, e non ce la sentiamo di organizzare report senza di lui. Aspettiamo… certi che capirete. Grazie della vostra attenzione.
Vi aggiorniamo presto…